Sito realizzato
con il contributo
incondizionato di:

Attenzione! Per visualizzare al meglio il sito e usufruire di tutte le funzionalità messe a disposizione
si consiglia di aggiornare la versione in uso di Internet Explorer alla versione 8 o superiore. Grazie!

La rete delle conoscenze nefrologiche


Per visualizzare l'intero documento devi essere registrato e aver eseguito la con utente e password.

Best practice

Indicazioni ed esecuzione della biopsia renale percutanea

data pubblicazione: 05 luglio 2011
redattori:  Franco Ferrario, Ospedale S. Gerardo di Monza ASST Monza - Monza
Giuseppe Grandaliano, Azienda Ospedaliero-Universitaria - Foggia
Gina Gregorini, P. O. Spedali Civili di Brescia ASST Spedali Civili di Brescia - Brescia
Domenico Santoro, Policlinico Universitario di Messina - Messina
Prodotta da: SIN, GdS: Immunopatologia renale

Abstract

La biopsia renale è ormai universalmente riconosciuta come strumento fondamentale nella “gestione” delle nefropatie.

Basti pensare che la diagnosi istologica risulta essere differente rispetto a quella clinica in circa la metà dei pazienti biopsiati con conseguente modifica dell' approccio terapeutico in circa un terzo dei casi.

Questa procedura fornisce quindi, in realtà, informazioni utili non solo per la diagnosi, ma anche per la scelta terapeutica, la prognosi e contribuisce alla comprensione dei meccanismi patogenetici responsabili di molte nefropatie.

Sul piano clinico, la conseguenza diretta di una corretta e tempestiva  identificazione della nefropatia è soprattutto la possibilità di agire prima che sia raggiunto il punto di non ritorno, nelle fasi precoci della malattia, quando cioè è  ancora possibile la regressione del meccanismo patogenetico iniziale e la remissione o addirittura la guarigione della nefropatia stessa.  Al contrario, è chiaro che uno scarso utilizzo della biopsia renale condiziona un approccio tardivo e aspecifico, che si limita ad una nefroprotezione "generica", svincolata dalla causa iiziale di danno renale.

In ogni caso, si tratta di una manovra invasiva, non scevra di complicanze, che deve essere necessariamente supportata da una corretta selezione e preparazione dei pazienti, da una adeguata metodologia di intervento, da una corretta tecnica di processazione e di valutazione istologica, con tutte le metodiche attualmente disponibili, oltre che da una stretta collaborazione anatomo-clinica.

Scopo di questa procedura è quello di ottimizzare l’approccio alla biopsia renale in modo da ottenere le maggiori e più aggiornate informazioni possibili per il paziente affetto da nefropatia.

Per visualizzare l'intero documento devi essere registrato e aver eseguito la con utente e password.

Parole chiave: biopsia renale
Non ci sono commenti
Sito realizzato
con il contributo
incondizionato di:

La piattaforma web su cui condividere in maniera semplice, efficace ed interattiva le conoscenze nefrologiche attraverso la pubblicazione online di documenti multimediali.

INFORMATIVA

NephroMEET accoglie come documenti con marchio SIN quelli approvati da: Comitati e Commissioni ufficiali SIN, Gruppi di Studio SIN, Sezioni Regionali/Interregionali SIN.

Il Consiglio Direttivo SIN si riserva inoltre la facoltà di certificare con marchio SIN altri documenti qualora lo ritenga opportuno.

Gli Autori si assumono in ogni caso la responsabilità dei contenuti pubblicati.

I contenuti pubblicati sono riservati ad un pubblico esperto nel settore medico-scientifico.

Seguici su Twitter

Developer e partner tecnologico:
TESISQUARE®

Assistenza telefonica allo 0172 476301
o via mail

Cookie Policy