Sito realizzato
con il contributo
incondizionato di:

Attenzione! Per visualizzare al meglio il sito e usufruire di tutte le funzionalità messe a disposizione
si consiglia di aggiornare la versione in uso di Internet Explorer alla versione 8 o superiore. Grazie!

La rete delle conoscenze nefrologiche


Per visualizzare l'intero documento devi essere registrato e aver eseguito la con utente e password.

Best practice

Iter diagnostico e terapia della calcolosi

data pubblicazione: 24 giugno 2011
redattori:  Adamasco Cupisti, Azienda ospedaliero -universitaria pisana, Cisanello ( Pisa) - Pisa
Giuseppe Vezzoli, Istituto Scientifico San Raffaele - Milano
Emanuele Croppi, ASL 10 FIRENZE - Firenze
Marco Lombardi, Ospedale S.M.Annunziata - Firenze
Martino Marangella, Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano Umberto I - Torino
Renata Caudarella,
Prodotta da: SIN, GdS: Elementi traccia e metabolismo minerale

Abstract

La nefrolitiasi è una malattia diffusa nella popolazione generale con una prevalenza in aumento negli ultimi anni. La sua rilevanza clinica  è gravata dalla tendenza a recidivare comportando così un rischio aggiuntivo di complicanze sia renali (fino alla malattia renale cronica) che extrarenali (come la malattia metabolica dell’osso). D’altra parte l’inquadramento clinico della malattia può essere complesso. La classificazione della calcolosi in base alla natura chimica del calcolo evidenzia la varietà eziologica della patologia. Inoltre le diverse malattie che posso causare nefrolitiasi includono anche dei geni tra i loro determinanti. Malattie comuni e malattie rare compongono perciò il capitolo della nefrolitiasi ed il medico deve saperle riconoscere.  La valutazione clinica è necessaria per identificare il tipo di malattia che causa la calcolosi  ma anche utile per identificare i pazienti a maggior rischio di recidive e/o di complicanze. Le indagini biochimiche e strumentali da utilizzare variano in rapporto alla gravità della malattia. Così una valutazione basale è necessaria per individuare il grado di attività di malattia, le forme di calcolosi secondaria, i pazienti recidivanti e per selezionare i pazienti a rischio di malattia renale cronica e/o malattia metabolica dell’osso. Una successiva valutazione più specifica può essere basata sul tipo di calcolosi, se già individuata, e sulla presenza di fattori di rischio già noti. L’inquadramento clinico del paziente, con le acquisizioni sulla possibile eziologia e sui meccanismi fisiopatologici della malattia sottostante, infine consente di adottare un programma terapeutico personalizzato che dovrebbe avere come obiettivi:  la correzione delle eventuali alterazioni metaboliche, la riduzione delle recidive e la correzione di manifestazioni extrarenali di malattie sistemiche.

Per visualizzare l'intero documento devi essere registrato e aver eseguito la con utente e password.

Parole chiave: Calcolosi renale
Non ci sono commenti
Sito realizzato
con il contributo
incondizionato di:

La piattaforma web su cui condividere in maniera semplice, efficace ed interattiva le conoscenze nefrologiche attraverso la pubblicazione online di documenti multimediali.

INFORMATIVA

NephroMEET accoglie come documenti con marchio SIN quelli approvati da: Comitati e Commissioni ufficiali SIN, Gruppi di Studio SIN, Sezioni Regionali/Interregionali SIN.

Il Consiglio Direttivo SIN si riserva inoltre la facoltà di certificare con marchio SIN altri documenti qualora lo ritenga opportuno.

Gli Autori si assumono in ogni caso la responsabilità dei contenuti pubblicati.

I contenuti pubblicati sono riservati ad un pubblico esperto nel settore medico-scientifico.

Seguici su Twitter

Developer e partner tecnologico:
TESISQUARE®

Assistenza telefonica allo 0172 476301
o via mail

Cookie Policy