Sito realizzato
con il contributo
incondizionato di:

Attenzione! Per visualizzare al meglio il sito e usufruire di tutte le funzionalità messe a disposizione
si consiglia di aggiornare la versione in uso di Internet Explorer alla versione 8 o superiore. Grazie!

La rete delle conoscenze nefrologiche


Per visualizzare l'intero documento devi essere registrato e aver eseguito la con utente e password.

Best practice

Suggerimenti per la gestione della Pielonefrite Acuta nell'adulto

data pubblicazione: 21 maggio 2015
Prodotta da: SIN, Sezione SIN Piemonte e Valle d'Aosta
Abstract

Abstract

Cristiana Rollino, Franca Giacchino, Giorgina Piccoli, Loredana Colla, Federico Marazzi, Roberta Fenoglio

REDATTORI:

Cristiana Rollino: SCDU Nefrologia e Dialisi - Ospedale S. G. Bosco - Torino

Franca Giacchino: Nefrologia e Dialisi - Ospedale di Ivrea (TO)

Giorgina Piccoli: Nefrologia e Dialisi - Ospedale San Luigi - Torino

Loredana Colla: Nefrologia e Dialisi - Città della Salute -Torino

Federico MarazziS.C Nefrologia Dialisi - ASL Cuneo

Roberta Fenoglio: SCDU Nefrologia e Dialisi. Ospedale S. G. Bosco - Torino

Revisori

Piero Stratta: Nefrologia, Dialisi e Trapianto - Università del Piemonte Orientale – Novara

Rosanna Coppo: Nefrologia e Dialisi - Ospedale Infantile Regina Margherita - Torino

Prodotta da: SIN, Gruppo di Nefrologia Clinica Piemontese

RIASSUNTO

La pielonefrite acuta (PNA) è una patologia frequente e talvolta grave ed è responsabile di più di 100.000 ricoveri all’anno in USA.

I fattori di rischio includono l’attività sessuale, la predisposizione genetica, l’età avanzata e la strumentazione urinaria. La correlazione esatta tra PNA e reflusso vescico-ureterale nell’adulto non è definita. Gravidanza, diabete e trapianto renale rappresentano condizioni in cui la PNA può essere particolarmente severa.

L’eziologia è prevalentemente dovuta a E. coli.

La diagnosi di PNA può essere posta clinicamente, ma solo TC e RMN permettono una migliore definizione del danno parenchimale renale e l’evidenziazione di ascessi, la cui frequenza è sottostimata.

I casi più gravi dovrebbero essere trattati, almeno all’esordio, per via endovenosa ed essere ricoverati. Le indicazioni sono quelle di terapia con un fuorochinolonico o con una cefalosporina ad ampio spettro associata o no ad un aminoglucoside per 10-14 giorni. Gli ascessi richiedono un drenaggio solo se di grandi dimensioni.

L’evoluzione a lungo termine sembra essere favorevole, sebbene sia stata riportata la formazione di cicatrici corticali o lo sviluppo di macroalbuminuria o di insufficienza renale.

Per visualizzare l'intero documento devi essere registrato e aver eseguito la con utente e password.

Parole chiave: __fit__
Sito realizzato
con il contributo
incondizionato di:

La piattaforma web su cui condividere in maniera semplice, efficace ed interattiva le conoscenze nefrologiche attraverso la pubblicazione online di documenti multimediali.

INFORMATIVA

NephroMEET accoglie come documenti con marchio SIN quelli approvati da: Comitati e Commissioni ufficiali SIN, Gruppi di Studio SIN, Sezioni Regionali/Interregionali SIN.

Il Consiglio Direttivo SIN si riserva inoltre la facoltà di certificare con marchio SIN altri documenti qualora lo ritenga opportuno.

Gli Autori si assumono in ogni caso la responsabilità dei contenuti pubblicati.

I contenuti pubblicati sono riservati ad un pubblico esperto nel settore medico-scientifico.

Seguici su Twitter

Developer e partner tecnologico:
TESISQUARE®

Assistenza telefonica allo 0172 476301
o via mail

Cookie Policy